BLOG

Entriamo in garage, ossia verifica dei portoni del garage

  /   20.02.2017

Entriamo in garage, ossia verifica dei portoni del garage

     Nel garage entriamo anche qualche volta al giorno, lo utilizziamo spesso anche come nascondiglio per l’attrezzatura di casa o di stagione. Così quindi il portone del garage deve essere comodo nell’utilizzo e resistente, adatta all’edificio e all’ambiente.  Attualmente sono disponibili qualche tipo di portoni, quelli più spesso scelti sono: a rullo, sezionale o scorrevoli.

      In che cosa si differenziano? Come funzionano? Quali sono le migliori?

     PORTONE A RULLO – definita anche come serrande avvolgibile. Questo portone funziona similmente come la tapparella esterna – è costituita di stretti profili (la loro quantità dipende dalla loro altezza ed altezza del portone), che durante l’apertura si avvolgono sul rullo collocato nel cassone. Questa opzione ci risparmia posto, non solo nel garage stesso, ma anche sotto il soffitto, dove si può conservare l’attrezzatura (per es. il bagagliaio dell’automobile, gli sci, le tavole da surf). Decidendosi quindi per il portone a rullo non dobbiamo avere ulteriore posto davanti al garage, così come nella situazione dell’utilizzo del PORTONE BASCULANTI.

Per la completa e sicura apertura del portone scorrevole dobbiamo avere garantito un ulteriore spazio davanti all’entrata (l’ottimo è 1m). È costituita di un battente rigido, che si solleva in alto (con l’aiuto della trazione o a mano) su guide montate lungo i montanti e sotto la soletta. Decidendosi quindi per il portone scorrevole dobbiamo essere consapevoli di certe limitazioni di spazio, perché questo portone ha bisogno di un po’ di spazio per sé. Oltre alla larghezza e altezza dell’entrata dobbiamo prendere in considerazione la distanza tra il bordo superiore dell’apertura e la soletta e la distanza dei bordi esterni dell’apertura rispetto alle pareti. Questi sono i posti, dove saranno montate le guide, quindi se abbiamo questi spazi limitati allora dobbiamo utilizzare dell’opzione di fissaggio di questo portone per es. nella luce dell’apertura dell’ingresso.

     Il portone scelto più spesso è il PORTONE SEZIONALE, che è offerta nelle larghezze da 2 m fino a 5,5m e fino a 3 m di altezza. È costituito di sezioni, che prima si sollevano verticalmente verso l’alto, e poi orizzontalmente lungo il soffitto. Le sezioni (connesse con cerniere) si spostano con l’aiuto di rulli di movimento che si spostano nelle guide. Questo portone è montato dietro l’apertura, quindi per la sua apertura non è necessario ulteriore spazio – si può liberamente parcheggiare davanti al garage o entrare in garage direttamente dalla strada.

     I portoni possono essere aperti e chiusi con l’aiuto di sistemi automatici di comando o manualmente. Il portone comandato elettricamente si può aprire con l’aiuto del telecomando, senza la necessità di scendere dall’auto. Inoltre la maggioranza dei portoni è equipaggiata con ulteriori sicurezze, per es. fotocellule e protezione dal sovraccarico (se si presenta un ostacolo, il pezzo in movimento si blocca, dopo di che ritorna alla posizione aperta). Il portone del garage si può tranquillamente integrare con ulteriori porte, questo è di sicuro un maggiore comfort di utilizzo. Se la superficie lo permette, si possono utilizzare porte laterali, indipendenti dal portone del garage, ma corrispondenti con esso stilisticamente.

      Le tecnologie del giorno d’oggi e le possibilità dei produttori permettono di progettare portoni di diverse forme e modelli e di duraturi e resistenti materiali – conosci i particolari dei portoni per garage offerti in Aikon Distribution: portoni da garage.